Tecar, Crio e Ultrasuoni

tecar, crio ultrasuoniTECAR o DIATERMIA DA CONTATTO
È la nuova frontiera della fisioterapia, garantisce tempi ridotti di trattamento e risultati immediati e stabili, perché è basata sulla stimolazione e il rafforzamento delle capacità riparative dei tessuti.
Ammorbidisce i tessuti in generale e stimola il microcircolo migliorando l’estensibilità muscolare. Agisce in profondità selettivamente su tessuti fibroconnettivali e ossei riattivando i naturali processi metabolici.
Rivitalizza la muscolatura ipotrofica da impotenza funzionale attraverso il reclutamento delle fibre contrattili indotto da un’intensa vascolarizzazione. Risolve le eventuali contratture residue che limitano la mobilità, e drena in profondità tutti i tessuti trattati.
Tecar è cosigliata nelle Patologie dolorose infiammatorie, osteoarticolari e muscolari quali rizoartrosi, epicondilite e epitrocleite, Lesioni traumatiche acute o postumi di fratture. Nel postchirurgico protesico. Sindrome del tunnel carpale, Sindrome da conflitto sub-acromiale, fascite plantare, metatarsalgia, cervicalgia, cervicobrachialgia, lombalgia e lombosciatalgia. È usata nella Medicina estetica nella cura della cellulite e come effetto lifting. Controindicato su pazienti affetti da osteoporosi, presenza di frammenti metallici, vene varicose e tromboflebiti, ipoestesia cutanea, pacemaker, mestruazioni, gravidanza, soggetti ipotesi, portatori di sistemi impiantati di neurostimolazione o di pompe infusionali.
CRIOULTRASUONI – CRIOULTRASUONITERAPIA
Si basa sulla sinergia di due tecniche terapeutiche, la crio-terapia e la ultrasuono-terapia che si aiutano a vicenda con forte amplificazione degli effetti curativi delle due singole metodiche. La terapia con gli ultrasuoni a freddo, è una nuova terapia, di grande efficacia per il trattamento degli stati infiammatori e dolorosi. All’azione antiinfiammatoria degli ultrasuoni, infatti, si associa l’azione analgesica, antiedemigena e antidolorifica della crioterapia,generando diversi tipi di effetti: termico, meccanico, di cavitazione, biologico e di fonoforesi. É utilizzata come antinfimmatorio, antidolorifico, antigonfiore e per combattere le contratture muscolari.
Le principali indicazioni sono quindi rappresentate da lesioni muscolo-tendinee e legamentose conseguenti a traumi recenti, edemi post-traumatici, tendiniti, borsiti, fasi infiammatorie acute e sub-acute delle patologie degenerative.
Controindicato su pazienti affetti da osteoporosi, presenza di materiale metallico, vene varicose e tromboflebiti, pacemaker, arteriopatia, tumori, gravidanza, soggetti in fase di accrescimento, sindrome di Reynaud.
ULTRASUONI
L’ultrasuonoterapia, con la corrente di stimolazione, è una delle forme di trattamento più comuni della terapia fisica ed è classificata come terapia termica meccanica.
Secondo i parametri di terapia si ottiene un effetto termico nelle strutture superficiali e profonde o un micromassaggio nei segmenti del tessuto trattato.
Gli effetti dell’ultrasuono terapia possono essere riassunti come segue: Iperemia – Accelerazione della funzione metabolica – Aumento dell’elasticità della struttura del tessuto connettivo – Riduzione del dolore Deionizzazione muscolare e risoluzione degli spasmi – Accelerazione del processo di guarigione – Stimolazione della consolidazione ossea in caso di fratture.
Gli ultrasuoni possono essere impiegati con successo in tutte le localizzazioni dell′artrosi. Ematomi organizzati e tessuti cicatriziali. Contratture muscolari antalgiche. Tendiniti, borsiti e coccigodinie. Spina calcaneale.  Controindicato su pazienti con esiti di laminectomia, affetti da osteoporosi, presenza di frammenti metallici, vene varicose e tromboflebiti, pacemaker, emorragie, mestruazioni, gravidanza, soggetti in fase di accrescimento, neoplasie, tubercolosi.